Caratteristiche strumento

Il flauto traverso fa parte degli legni aerofoni labiali. La sua estensione normale (flauto in DO) comprende generalmente tre ottave, anche se si possono suonare alcune note in più. Il flauto moderno è composto di tre parti. Testata (su cui poggia la boccoletta e il foro di insufflazione), il corpo centrale (su cui poggiano le “chiavi”) e il trombino finale. il suono è prodotto dall’aria che si frange contro lo spigolo del foro d’insufflazione presente sulla testata, eccitando in tal modo la colonna d’aria all’interno del cilindro; l’esecutore può correggere l’altezza del suono chiudendo i fori con le rispettive chiavi.
L’origine dello strumento risale al medioevo, secolo in cui iconograficamente si possono vedere flauti formati da un unico tubo di legno con 6 fori allineati più il foro d’insufflazione; ecco spiegato il motivo per cui l’esecutore poteva scegliere di suonarlo verso destra o verso sinistra.
Se tra il X e il XIV secolo i flauti dritti vengono preferiti al flauto traverso, è nelle corti rinascimentali che la “traversa” acquista sempre maggiore importanza. Nel periodo barocco, grazie ai costruttori Hotteterre, compaiono i primi flauti in tre pezzi con una chiave.
Per semplificare le diteggiature più scomode nel periodo classico vengono aggiunte chiavi nuove esterne. Grazie a T. Boehm si propongono altri materiali e si arriva al flauto moderno con cameratura cilindrica e chiavi (forate o non) esterne.

There’s no businnes like show businnes // A tutta Banda!
  1. There’s no businnes like show businnes // A tutta Banda!
  2. Carmen suite // Banda Ombriano
  3. Jungle fantasy // A tutta Banda!
  4. Dance bacchanale // Banda Ombriano
  5. Benny Goodman memories // Banda Ombriano
  6. Giovanna D’Arco – overture // Auguri Maestro!
  7. West side story // Banda Ombriano
  8. It don’t mean a thing // A tutta Banda!
  9. Curtain up! // Banda Ombriano
  10. Just a closer walk with Thee // Banda Ombriano
  11. Galop – da “Masquerade” // Banda Ombriano